20
20
2

Con i Sikh, contro il caporalato.

€440 of €25,000 goal

Raised by 17 people in 4 days
VOGLIAMO FERMARE IL CAPORALATO AIUTANDO I SIKH RESI SCHIAVI.

STOP THE GANGMASTER SYSTEM, HELPING SIKHS SOLD INTO SLAVE LABOUR (English text is further ahead)

Marco Omizzolo responsabile scientifico IN MIGRAZIONE

C’è un esercito di 30.000 braccianti nel Pontino, a pochi chilometri da Roma, che lavora nei campi oltre 12 ore al giorno per 4 euro l’ora, obbligati a chiamare “padrone” il datore di lavoro, costretti ad assumere sostanze dopanti per resistere alla fatica (vedi il nostro dossier di IN MIGRAZIONE).

Sono lavoratori indiani Sikh, trattati come schiavi e senza diritti. Subiscono vessazioni, percosse e violenze di ogni tipo. Sono braccianti sfruttati da caporali italiani ed indiani alle dipendenze di aziende senza scrupoli.

Il CAPORALATO è un sistema organizzato, strutturato, gestito molto spesso con metodi mafiosi ed è finalizzato allo sfruttamento dei lavoratori.

Servizio della BBC con In Migrazione sul caporalato

Quella dei Sikh è una comunità pacifica che vive una situazione di isolamento, che non conosce i propri diritti.

Con la nostra Cooperativa IN MIGRAZIONE lavoriamo quotidianamente sul campo sostenendo i lavoratori, informandoli e accompagnandoli alla fruizione dei diritti e nella denuncia delle situazioni di sfruttamento.

È una situazione che non può proseguire oltre, ma da soli non possiamo farcela. In tanti ci avete dimostrato in questi anni supporto morale e stima.

OGGI VI CHIEDIAMO UN CONTRIBUTO ECONOMICO PER AIUTARE GLI INDIANI SIKH RESI SCHIAVI NEI CAMPI.

Manifestazione dei lavoratori Sikh del 18 Aprile 2016

OBIETTIVI DELLA RACCOLTA
Tutti i fondi saranno utilizzati per creare un team specializzato di legali, mediatori culturali e assistenti sociali che per almeno i prossimi 12 mesi potrà:

- accompagnare ai servizi sociali del territorio con l’obiettivo di supportare gratuitamente i braccianti;

- orientare alla fruizione dei servizi sanitari e sostenere coloro che vivono situazioni più critiche e urgenti;

- fornire un  servizio di assistenza legale gratuita per assistere i lavoratori nelle questioni legate al contrasto del lavoro nero, al caporalato e allo sfruttamento nei campi.

Un servizio innovativo itinerante di prossimità per raggiungere la comunità direttamente nei campi, nelle case e nei loro luoghi di culto.

Forniremo puntualmente un resoconto quantitativo e qualitativo delle attività svolte durante l'intero arco del progetto per documentare quanto realizzato .

Su questa pagina e sul sito di In Migrazione inseriremo aggiornamenti puntuali sugli obiettivi e sull’impiego dei fondi.

Andiamo avanti. Grazie di cuore a tutti.

Approfondimenti e articoli su In Migrazione e l'attività di contrasto al caporlato:
- Il nostro dossier "Sfruttati a Tempo Indeterminato"
- Il nostro dossier "Dopati per lavorare come schiavi "
- Articolo su Avvenire 
- Articolo su L'Espresso
- Articolo su ANSA.it 

____________________________________________
STOP THE GANGMASTER SYSTEM, HELPING SIKHS SOLD INTO SLAVE LABOUR. 

In the Agro Pontino area, a few miles from Rome, there is a whole army of 30,000 labourers working in the fields for over 12 hours a day and paid 4 Euro per hour.
These are Sikh Indian workers who are being treated as slaves, with no rights; intimidated, beaten and suffering violence of all kinds. These labourers are being exploited by Italian and Indian gangmasters hired by unscrupulous companies.

The gangmaster system (CAPORALATO) is organized, structured, and often managed using mafia-like methods aimed specifically at the exploitation of labourers, who have to work in the fields and greenhouses at excessive speed with no breaks, obliged to call their employer “master”, and forced to take drugs to overcome fatigue.

We work every day to support the workers, keeping them informed and accompanying them to obtain their rights and report their exploitative status, with the assistance of the police and magistrates.

This is a situation, which must not continue, but we cannot manage it on our own. So many of you, over the years, have provided moral support and respect, and today we are asking you for a contribution so that we can ensure the Sikh Community has the help it needs. 

All the funds collected will be used to set up a travelling centre of information, advice and accompaniment to the services available, with the aim of providing, with the help of cultural intermediaries, free support to the labourers in the essential needs of everyday life, starting with matters of health and safety. In addition, a free legal assistance service will be set up with the collaboration of expert lawyers, who will be able to help the labourers, especially on matters linked to resisting illegal working practices and exploitation in the fields. 

Regular updates will be published on this page and on our website  regarding our goals and the ways the funds are being used.

Onwards and upwards! Our heartfelt thanks to you all.
+ Read More

€440 of €25,000 goal

Raised by 17 people in 4 days
Your share could be bringing in donations. Sign in to track your impact.
   Connect
We will never post without your permission.
In the future, we'll let you know if your sharing brings in any donations.
We weren't able to connect your Facebook account. Please try again later.
EP
€25
Eleonora Piccaro
2 hours ago
MP
€50
Maria Enrica Pennello
15 hours ago
RS
€50
Rita Sanlorenzo
15 hours ago
NB
€15
Nadia Biscossi
16 hours ago
FD
€10
Federico Drago
16 hours ago
SS
€20
Stefano De Sanctis
19 hours ago
DS
€30
Daniela Sacco
1 day ago
€50
Anonymous
1 day ago
DF
€15
dorizio ferrari
2 days ago
SB
€20
Sukhmandeep Bassi
2 days ago
or
Use My Email Address
By continuing, you agree with the GoFundMe
terms and privacy policy
There's an issue with this Campaign Organizer's account. Our team has contacted them with the solution! Please ask them to sign in to GoFundMe and check their account. Return to Campaign

Are you ready for the next step?
Even a €5 donation can help!
Donate Now Not now
Connect on Facebook to keep track of how many donations your share brings.
We will never post on Facebook without your permission.