Main fundraiser photo

Save Teranga

Donation protected
Teranga. The story of migrants who welcome everyone.

"Everything that lives has the right to live well." With this concept "Macchia di Colori" (literally: Stain of Colours) was born, an association established in Naples on April 2010 from the initiative of three cultural mediators from Burkina Faso, Sri Lanka and Italiy. " Macchia di Colori" aims to conceive and implement, through socio-cultural projects, social inclusion and integration paths for migrants with local communities. The activities carried out over the years have been characterized by concrete moments of encounter and exchange of knowledge, that have outlined the methodological directions of work of its members and associates who, through the design of "social workshops", aim to offer local communities a new place of analysis, study and growth aimed at strengthening active citizenship. Macchie di Colore Onlus is committed to ensuring the promotion and spreading of solidarity, peace and participation through multi-ethnic and multicultural integration policies and actions. The purpose is to contribute, by bringing individuals together, to the spreading of a community life and culture, where urban centres can increasingly become "open cities" aimed at connecting peoples of different regions of the world. The strong spirit of aggregation of the founders and its supporters draws inspiration from the idea that only by building new spaces for dialogue among different cultures it’s possible to offer opportunities for knowledge and exchange, in respect of the identity of each individual. Through the organization of information activities, trainings to update and increase competences, documentation and experimentation ways to spread creative skills, the association aims to build paths for career guidance and social exclusion reduction.

Activities carried out by "Macchie di colori":

Italian, English, French language and computer courses

Multi-ethnic dance courses

Creation of shows

Projections of videos, documentaries and movies

Creation of a multi-ethnic library and an internet point.

Training and job placement

Seminars and conferences on migration

Creation of a social enterprise

Business introduction for migrants

Information debates

Publication of books

Free social holidays for migrants for over three years

Cooperation with different universities and foundations

Interactions with the municipality of Naples to address migrants’ issues

Macchia di colori has cooperated with all the relevant social realities in Naples. Socially active on multiple fronts, it reached 5000 members in 2012 collaborating with ten full-time people and involving thousands of people, curious to discover other people's cultures in an innovative way never seen before. As symbol of the association it’s been chosen an important man, a character who personifies the world we would like to build, Erri De Luca (writer, jourinalist and poet), who visited and encouraged us. And not only. Motivated by its success, the Macchia di Colori association decided in 2013 to open a cultural pub, "Teranga", in the heart of the historic centre of Naples, in Piazza Bellini, in order to allow to its collaborators to have a salary, and above all a contract, which is a necessary condition for the renewal of documents.

Teranga is the first social enterprise created by migrants, born with the desire to overcome the crisis and, in turn, act as example for other immigrants in the creation of businesses. Coming from Ivory Coast, Senegal, Italy, Sri Lanka, Burkina Faso, USA, its members have joined forces in a company whose belief is that the work is the result of everyone's support, giving the chance to the people to propose activities, through their art, their sensitivity, their emotion. Teranga offers a comfortable space where forgetting space and time and feeling to belong to one family. Born from the desire and need to find a home for the most disadvantaged, a place of real integration where the smile is not tied to personal profit, an oasis where you it’s possible to find information on the world and in particular on Africa, thanks to a unique library of its kind throughout Campania region. Its supporters are numerous: from the Municipality of Naples, to Erri de Luca, to migrants and native Neapolitan citizens. All attracted by the interest for listening, comparison, social cohesion among human beings. Teranga is also an ethnic restaurant, an art gallery, a concert stage, a dance club open to international music and a bar where you can enjoy beverages from the world or smoke a water pipe. Teranga is proud to be a window in Naples to other worlds and invites Neapolitans and foreigners to participate in cineforums, book presentations, lectures and reading, debates or conferences on different cultures of the planet. The value of Teranga, in combating social exclusion, psychic distress, isolation and all what derives from it - with the consequent direct impact on our society in terms of cultural openness, improvement of coexistence and enrichment of all thanks to the melting pot of different cultures and ethnicities and reduction of criminality deriving from anger, exclusion, poverty - has been recognized internationally. Considered a unique example on the Italian territory, Teranga has been the subject of a successful English documentary and many journalistic articles as well as television reports (*).

Service project:

In this time of crisis and emergency, a huge part of our society suffers from the suspension of work, often not regular, and from exclusion from social security cushions.

As you can imagine, the Teranga Worldwide Pub will be forced to close due COVID-19 restrictions. As specified by the Guardian, who dedicated a documentary to us, there is no other place in the world where a migrant can feel so at home and where he can start a project by finding all the necessary support. Those who are at the bottom of society risk to find themselves even lower without any economic or moral support. It is well known: whoever, whatever his colour was, had the chance to eat for free at Teranga when he was hungry and found himself without means of sustenance.

We don't want to close. Someone says we can't close. And we are forced for the first time to ask for your help, even minimal. Everything we did, we did it without grants, loans, state or regional aid. Although we are among the most active in Italy as regard the spreading of human culture in general, we have been left out because with our own strengths we have been able to do what many don’t, even while receiving funding.

Teranga wants to transform itself to continue existing. The intent is to create a dedicated radio and TV (not only for migrants), to provide information from another point of view. We have always been denied communication, we would like things to change, and to do this we need a voice, Teranga's voice, which represents hospitality. Why an independent information body managed by migrants? We want not only to denounce, but to discover our souls so that it is evident that we are one race. The world is beautiful and varied, the values ​​and cultures, although not identical, narrate of adjustments and adaptations. Migrants need a guide, we aim to be that guide also through information. Italians also need a guide to help them get closer to people that too often are a mystery to them. Informing by using the voice of those who suffer, those who rejoice, all through a journalistic project involving all of Italy. The project is big and we know it. But we are also convinced that with all of you, we will be able to do it without any doubt.

Why Teranga?

Teranga still represents the only reference point for the African community in Naples and it is a social and civic duty to respond "present" in a situation that brutally involves this segment of the population left alone. The situation, for those who know even marginally the world of migrants in Naples, is of an absolute disaster. The pandemic will end, but it will leave a society divided more than ever. The social chasms that existed will be increased. Food and housing could also become a problem for millions of people. And everything that lives, has the right to live well.

(*) Sitography:

https://www.theguardian.com/news/ng-interactive/2020/feb/07/teranga-the-migrant-run-afrobeat-nightclub-uniting-naples-video

https://www.terangathedocumentary.com/press

https://www.africarivista.it/teranga-worldwide-pub-napoli/112683/

http://www.prundercover.com/it/blog/115/Teranga-il-primo-caf-literaire-africain-a-Napoli-Nuovi-significati-di-accoglienza-felice.html

https://www.picuki.com/location/teranga-worldwide-pub/276952037

http://www.comunicocaserta.com/website/?p=30841

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2018/12/30/feste-etniche-e-atmosfere-anni-trentaNapoli17.html

http://www.ltmong.org/wp-content/uploads/2014/10/Descrizione-laboratori-e-calendario.pdf

https://www.donnaglamour.it/il-miglior-cibo-etnico-a-napoli/guide-2/

http://www.napolicittasolidale.it/portal/vivi-sociale/ritrovi/782-teranga-musica-e-danze-del-mondo-nel-sottosuolo-di-napoli.html

https://www.ilcarrettinonews.it/macchia-di-colori/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/02/24/teranga-a-napoli-ce-un-locale-che-unisce-musica-e-accoglienza-e-il-guardian-ne-ha-parlato/5710530/

https://www.slow-words.com/it/judicael-writer-and-manager-2/

https://www.unisob.na.it/eventi/pdf/20160421_23.pdf

http://magazine.unior.it/fr/content/l%27africa-napoli-e-orientale?page=2

We thank you in advance for your support





Teranga Worldwide Pub.

Once you are there, you feel safe.
Teranga. La storia dei migranti che accolgono tutti. 

"Tutto ciò che vive ha il diritto di vivere bene”. Con questo concetto nasce “Macchia di Colori”, un’associazione riconosciuta costituita a Napoli nell’aprile 2010 per iniziativa di tre mediatori culturali, di cui due originari del Burkina Faso e dello Sri Lanka e uno italiano. “Macchia di colori” mira ad ideare e realizzare, attraverso progetti socio-culturali, percorsi di inclusione sociale dei migranti e di integrazione con le comunità territoriali. Le attività che ha realizzato nel corso di questi anni si caratterizzano per concreti momenti di incontro e scambio di “conoscenze altre” che hanno delineato le linee metodologiche di lavoro dei soci e dei suoi collaboratori, i quali, attraverso la programmazione di “laboratori di progettazione sociale”, si propongono di offrire alle comunità locali un nuovo luogo di analisi, studio e crescita teso al rinvigorimento di una cittadinanza attiva. Macchie di Colore Onlus si è impegnata a garantire la promozione e la diffusione di una cultura della solidarietà, della pace e della partecipazione attraverso politiche e azioni di integrazione multietnica e multiculturale. Lo scopo è di contribuire, attraverso l’aggregazione degli individui, alla diffusione di una cultura della vita comunitaria dove i centri abitativi siano sempre più “città aperte” dirette a collegare i popoli delle diverse regioni del mondo.  Il forte spirito di aggregazione dei fondatori e dei suoi sostenitori trae ispirazione dall’idea che solo costruendo nuovi spazi di dialogo tra le diverse culture presenti sul territorio si possano offrire opportunità di conoscenza e scambio nel rispetto dell’identità di ciascun individuo. Mediante l’organizzazione di iniziative di informazione, di formazione specifica per l’aggiornamento e l’accrescimento di competenze, di documentazione e sperimentazione che rispondono alla diffusione della capacità creativa, l’associazione si prefigge di costruire percorsi di orientamento al lavoro e riduzione dell’esclusione sociale. 

Le attività realizzate da “Macchie di colori”:

Corsi di lingua italiana, inglese, francese e di utilizzo del pc
Corsi di danza multietnica
Creazione di spettacoli
Proiezioni di video, documentari e film
Creazione di una biblioteca multietnica e di un internet point. 
Formazione ed avviamento al lavoro
Seminari e conferenze sulle migrazioni 
Creazione di un impresa sociale
Avviamento all’impresa per migranti
Dibattiti informativi
Pubblicazione di libri
Vacanze sociali per migranti gratis per oltre tre anni
Collaborazione con varie università e fondazioni. 
Creazione di un ponte di interazione col comune di napoli per i problemi dei migranti. 



Macchia di colori ha collaborato con tutte le realtà sociali di rilievo presenti a Napoli. Impegnata su più fronti, ha raggiunto 5000 membri nel 2012 collaborando con dieci persone a tempo pieno e coinvolgendo migliaia di persone, curiose di scoprire culture altrui in un modo innovativo mai visto prima.  Come padrino dell’associazione abbiamo scelto un uomo importante, un personaggio che impersona il mondo che vorremmo costruire, Erri De Luca, che ci ha visitati ed incoraggiati. E non solo. Forte del suo successo, l’associazione Macchia di Colori decide nel 2013 di aprire un pub culturale, "Teranga", nel cuore del centro storico di Napoli, in piazza Bellini, al fine di permettere ai collaboratori, che erano una decina, di avere uno stipendio, e soprattutto un contratto, cosa necessaria per il rinnovo dei documenti. 




Teranga é la prima impresa sociale creata dai migranti, nata per ovviare alla crisi e, a sua volta, far da garante ad altri immigrati nella creazione di imprese. Provenienti da Costa d'Avorio, Senegal, Italia, Sri Lanka, Burkina Faso, Usa, i suoi soci si sono messi insieme in un’impresa il cui credo è che il lavoro sia frutto del supporto di tutti, lasciando che siano le persone a proporre, attraverso la loro arte, la loro sensibilità, la loro emozione. Teranga offre uno spazio confortevole, dove si dimentica lo spazio ed il tempo e ci si ritrova in un’unica famiglia. Nasce dalla volontà e dal bisogno di trovare una casa per i più disagiati, un luogo di integrazione vero dove il sorriso non sia solo legato ad un tornaconto, un’oasi dove trovare informazioni sul mondo ed in particolare sull'Africa grazie a una biblioteca unica nel suo genere in tutta la regione Campania. I suoi sostenitori sono numerosi: dal Comune di Napoli, a Erri de Luca, ai migranti e cittadini nativi napoletani. Tutti attratti dall’ interesse verso l’ascolto, il confronto, il riavvicinamento naturale tra gli esseri umani. Teranga è anche un ristorante etnico, una galleria di arte, un palco per concerti, un dance club aperto a musiche internazionali e un bar dove gustare bevande del mondo o fumare il narghilè. Il Teranga è orgoglioso di essere la finestra, a Napoli, su altri mondi e invita napoletani e stranieri a partecipare ai cineforum, alle presentazioni dei libri, alle letture, ai dibattiti o alle conferenze sulle varie culture del pianeta. Il valore del Teranga, nel combattere l’esclusione sociale, il disagio psichico, l’isolamento e tutto ciò che ne deriva - con la conseguente ricaduta diretta sulla nostra società in termini di apertura culturale, miglioramento della convivenza e arricchimento di tutti grazie alla commistione di culture ed etnie diverse e riduzione della ovvia criminalità che deriva dalla rabbia, dall’esclusione, dalla povertà - è stato riconosciuto a livello internazionale. Considerato un esempio unico sul territorio italiano, Teranga è stato oggetto di un documentario Inglese di successo e di tantissimi articoli giornalistici oltre che servizi televisivi (*). 

Progetto di service:

In questo momento di crisi e di emergenza, una fetta enorme della nostra società risente dell’interruzione del lavoro, spesso non regolare, e dell’esclusione dagli ammortizzatori sociali.

Come ben potete immaginare, il Teranga Worldwide Pub sarà costretto a chiudere per le restrizioni dovute al Covid.  Così come specifica il Guardian, che ci ha dedicato un documentario, non esiste altro luogo nel mondo in cui un migrante possa sentirsi così a casa e dove riesca ad avviare un progetto trovando tutto il sostegno necessario.  Chi più in basso nella società, rischia di ritrovarsi ancora più in basso senza alcun appoggio né economico né morale.  È risaputo: chiunque, di qualunque colore sia, al Teranga ha mangiato gratis quando ha avuto fame e si è trovato senza i mezzi per saziarsi. 

Non vogliamo chiudere. Qualcuno dice che non possiamo chiudere. E ci vediamo costretti per la prima volta a chiedere il vostro aiuto, anche se minimo.  Tutto ciò che abbiamo fatto, lo abbiamo realizzato senza sovvenzioni, prestiti, aiuti dello Stato o della Regione. Pur essendo i più attivi in Italia per quanto riguarda la diffusione della cultura umana in generale, siamo stati tralasciati perché con le nostre forze siamo riusciti a compiere ciò che molti non fanno pur percependo finanziamenti. 

Teranga vuole trasformarsi per continuare ad esistere.  L'intento è di dar vita a una radio ed una tv dedicati (non solo ai migranti), a un ente che sia in grado di fare informazione anche da un altro punto di vista. Ci è sempre stata negata la comunicazione, vorremmo che le cose cambiassero, e per farlo abbiamo bisogno di una voce, la voce di Teranga, che vuol dire accoglienza.  Perché un organo di informazione indipendente e gestito dai migranti? Vogliamo non semplicemente denunciare, ma scoprire i nostri esseri affinché sia evidente che siamo una sola razza. Il mondo è bello e vario, i valori e le culture, anche se non identiche, raccontano di un adattamento. I migranti hanno bisogno di una guida, ci proponiamo di esserlo anche attraverso l’informazione. Gli italiani hanno bisogno anch’essi di una guida, che li aiuti ad avvicinare a un popolo che per ora resta generalmente un mistero per loro. Informare usando la voce di chi subisce, di chi gioisce, il tutto attraverso un progetto giornalistico che coinvolga tutta l’Italia. Il progetto è grande e lo sappiamo. Ma siamo anche convinti che con tutti voi, ce la faremmo senza alcun dubbio. 

Perché Teranga?

Teranga tutt’oggi rappresenta l’unico punto di riferimento della comunità africana a Napoli ed è dovere rispondere “presente” in una situazione che coinvolge brutalmente questa fascia di popolazione abbandonata a sé.  La situazione, per chi conosce anche marginalmente il mondo dei migranti a Napoli, è di un disastro assoluto. La pandemia finirà, ma lascerà una società divisa più che mai. Le voragini sociali che esistevano saranno accresciute. Anche il cibo e l’abitazione potrebbero diventare un problema per milioni di persone. E tutto ciò che vive, ha il diritto di vivere bene.

(*) Sitografia: 

https://www.theguardian.com/news/ng-interactive/2020/feb/07/teranga-the-migrant-run-afrobeat-nightclub-uniting-naples-video

https://www.terangathedocumentary.com/press

https://www.africarivista.it/teranga-worldwide-pub-napoli/112683/

http://www.prundercover.com/it/blog/115/Teranga-il-primo-caf-literaire-africain-a-Napoli-Nuovi-significati-di-accoglienza-felice.html

https://www.picuki.com/location/teranga-worldwide-pub/276952037

http://www.comunicocaserta.com/website/?p=30841

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2018/12/30/feste-etniche-e-atmosfere-anni-trentaNapoli17.html

http://www.ltmong.org/wp-content/uploads/2014/10/Descrizione-laboratori-e-calendario.pdf

https://www.donnaglamour.it/il-miglior-cibo-etnico-a-napoli/guide-2/

http://www.napolicittasolidale.it/portal/vivi-sociale/ritrovi/782-teranga-musica-e-danze-del-mondo-nel-sottosuolo-di-napoli.html

https://www.ilcarrettinonews.it/macchia-di-colori/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/02/24/teranga-a-napoli-ce-un-locale-che-unisce-musica-e-accoglienza-e-il-guardian-ne-ha-parlato/5710530/

https://www.slow-words.com/it/judicael-writer-and-manager-2/

https://www.unisob.na.it/eventi/pdf/20160421_23.pdf

http://magazine.unior.it/fr/content/l%27africa-napoli-e-orientale?page=2


Vi ringraziamo in anticipo del vostro supporto.
Donate

Donations 

  • Barbara De Simone
    • €50 
    • 3 yrs
  • Luigi Stadio
    • €150 
    • 3 yrs
Donate

Fundraising team: Teranga Rescue (3)

Judicael Ouango
Organizer
Naples, Metropolitan City of Naples
Bandiang Dangnokho
Team member
Joanna Akutko
Team member

Your easy, powerful, and trusted home for help

  • Easy

    Donate quickly and easily

  • Powerful

    Send help right to the people and causes you care about

  • Trusted

    Your donation is protected by the GoFundMe Giving Guarantee