Main fundraiser photo

Mio figlio in rosa - associazione

Donation protected


Mi chiamo Camilla Vivian. Ho tre figli. Il mio secondogenito che oggi ha nove anni, nonostante sia biologicamente maschio ha dimostrato fin da piccolino una predilezione per tutto ciò che apparteneva al mondo femminile immedesimandosi in esso a tal punto da farmi iniziare una serie di approfondimenti che mi hanno portato a imparare cosa sia la varianza di genere. In Italia non si sa quasi nulla degli sviluppi atipici dell'identità di genere. Non solo,  le profonde radici cattoliche della popolazione fanno vivere come un tabù qualunque cosa che esuli minimamente dalla norma.

Le persone transgender (tutte quelle che oltrepassano il limite che la società impone a loro genere biologico) sono costrette a vivere una vita fatta di dolore e emarginazione mentre, come dimostrano i bambini come il mio, sono persone come tutte le altre e se accolte fin da piccole hanno una vita assolutamente felice. Gli ultimi studi stanno dimostrando infatti che chi viene accolto dalla famiglia e dalla società non sviluppa alcuna alcuna problematica. Da mesi, attraverso il mio blog www.miofiglioinrosa.com, sto cercando di dare informazioni a tutte quelle famiglie che si trovano a vivere una situazione simile alla mia. L'atipicità di genere è qualcosa che non riguarda solo l'individuo ma tutta la comunità che gli sta intorno: famiglia, scuola, medici, psicologi. Il vuoto totale che trovano intorno a sé i bambini e ragazzi transgender nel 41% dei casi  porta a atti autolesionisti, disturbi alimentari, seri problemi psichiatrici e suicidio. Per questo ho deciso di fondare un’associazione che aiuti le famiglie come la mia. Credo che sia di vitale importanza creare una rete che faccia informazione e dia supporto poiché il rispetto dei diritti umani non ha genere, età, religione, razza, provenienza e il rispetto nasce dalla conoscenza. Se tutti insieme diamo una mano riusciamo a creare qualcosa di bello.

Questi di seguito i principali scopi dell'associazione:

- diffondere la cultura e la conoscenza delle problematiche legate alla sessualità fluida e alla disforia di genere, in particolare nei giovani, attraverso contatti fra persone, enti ed associazioni;

- allargare gli orizzonti didattici di educatori, insegnanti ed operatori sociali, affinché sappiano affrontare, insegnare e trasmettere valori d’integrazione e accettazione dello status di ciascun individuo, nei confornti dello stesso e della società che li circonda;

- proporsi come luogo di incontro e di aggregazione, anche grazie all’utilizzo di piattaforme digitali, nel nome di interessi culturali e di integrazione assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l'ideale dell'educazione permanente;

- porsi come punto di riferimento per quanti possano trovare, dal confronto costruttivo con problematiche simili, un sollievo al proprio disagio.

Tutto ciò verrà fatto attraverso:

- attività culturali: convegni, conferenze, dibattiti, seminari, realizzazione di filmati, documentari e incontri;

- attività di formazione: corsi di aggiornamento teorico/pratici per educatori, insegnanti, operatori sociali, istituzioni di gruppi di studio e di ricerca;

- attività editoriale: creazione di una collana di libri per bambini a tema, pubblicazione di un bollettino in forma digitale e non, pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi e delle ricerche compiute.

- organizzazione di "settimane insieme" durante le quali bambini e famiglie possano incontrarsi e confrontarsi al di là degli stereotipi

- offrire un numero verde cui le famiglie e i ragazzi possano fare riferimento






ENGLISH VERSION



Hello everybody!  My name is Camilla Vivian and I live in Florence. I have three kids and one of them is transgender. It took me many years to get to this conclusion because Italy is not very good at anything that does not represent the "Catholic" stereotype. My son has always been a happy child because I have always let him be whoever he felt to be.  Unfortunately not all kids have understanding parents. The truth is that most of them keep their identity as a secret or, worse, most of them do not even know why they feel weird about themselves because of the lack of information about gender identity in Italy. Nine months ago I  opened a blog (www.miofiglioinrosa.com ) that tells our story. I did this in the hope that other families like mine would take the courage to come out. I was able to create a pretty nice group of families so far, but we all share the same problems: lack of support and information. Let alone laws. For this reason I have decided to create the first Italian association of families of "gender creative kids", because our kids, as anyone alse, deserve to be helped and loved and stay just as happy as they are now. The truth in fact is that 41% of kids like mine attempt suicide by the time they become adolescents. We do not want this to happen anymore. My house has been open to many friends over the years. Many people lived with us and followed the growth of my kids witnessing in first person as gender variant kids are born this way and are super happy kids if they are loved as they are since the very beginning. I need the help of you all to create an association who could support families and kids and give the right information so that our country can change just like other countries of the world. I thank you all and each of you for your precious help!

The goals of my association are

- create awareness about the topic

- spreading and sharing information about gender non conforming kids, gender diphoria, gender identity through conferences, tutorials, classes and brochures

- create a net to support parents, teachers and kids

- refresher courses for psychologists and pediatricians

- have a helpline

- organize campuses for families and kids

Organizer

Camilla Vivian
Organizer
Florence, Metropolitan City of Florence

Your easy, powerful, and trusted home for help

  • Easy

    Donate quickly and easily

  • Powerful

    Send help right to the people and causes you care about

  • Trusted

    Your donation is protected by the GoFundMe Giving Guarantee