EMERGENZA LIBANO - Uniti per Beirut

In piena pandemia globale e con una crisi economica disastrosa, il Libano si trova ad affrontare l'ennesima tragedia umanitaria. 

L'esplosione che ha sconvolto la capitale, Beirut, ha lasciato una scia di morti e feriti sconvolgente. I danni materiali sono incalcolabili e molte persone hanno perso tutto. 

Io Jean-Claude Chincheré sono il responsabile di questa raccolta fondi e grazie all'aiuto della FONDAZIONE - SOS CRISTIANI D'ORIENTE - nello specifico con la base di Beirut diretta da Arthur Lanternier, utilizzeremo questi fondi per acquistare beni di prima necessità. 

La Fondazione opera da anni in Libano e si sta attivando da subito per portare i primi soccorsi ai più bisognosi. 

https://www.fondazionesoscristianidoriente.it/libano/

1 - Jean-Claude Chincheré, Fotografo e docente. Dal 2015 impegnato in Libano su reportage umanitari. Ha collaborato con l’università Americana del Libano, Unicef Libano, AVSI, SOS Cristiani d’Oriente.

2 - Con la partecipazione della FondazioneSOS Cristiani d’Oriente, abbiamo un rapporto diretto con progetti attivi sul territorio. Per aiutare le persone colpite in prima persona dal disastro.

3 - I fondi saranno spesi per beni di prima necessità (cibo, farmaci) e gestiti direttamente dalla Fondazione.

4 - I fondi saranno trasferiti direttamente a SOS Cristiani d’Oriente in modo da poter essere prelevati in modo del tutto trasparente.


ANSA:


"Il martoriato Libano torna a vivere i peggiori incubi della guerra civile e delle crisi sanguinose che hanno segnato i 30 anni passati dalla fine di quel conflitto. Un'esplosione di potenza inimmaginabile - secondo alcuni testimoni udita fino a Cipro, a distanza di 200 chilometri - ha portato la devastazione e seminato il panico in tutta Beirut e nei sobborghi. Almeno 135 morti e 5000 i feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio della deflagrazione, avvenuta nel tardo pomeriggio nel porto e sulle cui cause regna l'incertezza. Il numero delle vittime potrebbe comunque aumentare, a giudicare anche dalle immagini diffuse dai social media e dalle televisioni che mostrano persone rimaste intrappolate sotto le macerie di edifici crollati. Un testimone che vive sulle colline a est della capitale, alcuni chilometri dal porto, ha detto all'ANSA che lo spostamento d'aria è stato talmente potente da far saltare tutte le placche delle prese di corrente nella sua abitazione.

A provocare le esplosioni che oggi hanno devastato Beirut è stato un incendio in un deposito nel porto di Beirut dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave."

Donations

 See top
  • Anonymous 
    • €50 
    • 9 d
  • Anonymous 
    • €70 
    • 17 d
  • Anonymous 
    • €50 
    • 23 d
  • Giancarlo Vout 
    • €50 
    • 23 d
  • Anonymous 
    • €130 
    • 26 d
See all

Organizer and beneficiary

Jean-Claude Chincheré 
Organizer
Moron, Italy
Arthur Lanternier 
Beneficiary
  • #1 fundraising platform

    People have raised more money on GoFundMe than anywhere else. Learn more

  • GoFundMe Guarantee

    In the rare case that something isn’t right, we will refund your donation. Learn more

  • Expert advice, 24/7

    Contact us with your questions and we’ll answer, day or night. Learn more