HINDUKUSH - FRIENDSHIP ITALIA PAKISTAN

24 LUGLIO 2020 - 6 BAMBINI DI SER TRAVOLTI DA UNA FRANA ALA LORO VILLAGGIO
Il villaggio di Ser nella valle Diamir del Nanga Parbat è stato travolto da una frana.
Si parla di 6 bambini morti per ora. Raccogliamo fondi per inviare al più presto aiuti
AIUTATE E CONDIVIDETE PER FAVORE
https://www.facebook.com/pamirtimes/videos/334455791170240

17 GIUGNO 2019 TRE PAKISTANI E QUATTRO ITALIANI TRAVOLTI DA UNA VALANGA
Il nostro cuore è colmo di dolore per Imtiaz, l’amico pakistano disperso che lascia la moglie e 4 figli: 2 bambini e 2 bambine.
Con questa raccolta fondi vorremmo sostenere la sua famiglia.
Inoltre una parte della raccolta sarà destinata alla costruzione del Climbing Center Cristina Castagna, a Ghotulti.

40559730_1562861077828338_r.jpeg
Il Pakistan e la sua gente sono meravigliosi, se ne parla sempre in occasioni negative ma l’amicizia tra Tarcisio e il Pakistan è ormai ventennale.
Il nord del Pakistan è un mondo senza tempo di pastori, di armenti, di capanne primitive e usi antichissimi, di pascoli magri fin sotto ai tanti ghiacciai che si affacciano sulla vallata, di vette solo in parte esplorate da una decina di spedizioni delle sezioni CAI di Montecchio Maggiore, di Marostica e di Asiago Sette Comuni. Ma vi sono ancora infinite possibilità di esplorazione e di avventura in un contorno ambientale che non teme certo paragoni. Le uniche cartine di queste zone sono quelle militari risalenti al periodo dell’ingerenza russa.

Dal 2009 oltre all'attività esplorativa Tarcisio ha organizzato una serie di lavori volti a migliorare le condizioni di vita in particolare della comunità di Gothulti, ultimo paesino prima delle grandi catene montuose.
E’ di quell'anno la costruzione di un acquedotto per questo villaggio con una spesa di 10.000 euro.
40559730_1562861123598627_r.jpeg

Sempre di quell'anno tra le sue varie prime salite c’è Ia scalata in solitaria, della Cima Veneto m 5701 e Picco Cristina Castagna m 5311 in ricordo dell’amica alpinista. In questo contesto nasce il progetto di costruire il Cristina Castagna Center in Hindukush che senza snaturare l'ambiente avrebbe lo scopo di valorizzarne le risorse naturali a livello nazionale e internazionale creando opportunità economiche, di lavoro e di crescita sociale. Inoltre con l'idea di avviare una scuola di alpinismo e alta montagna si potrebbe sviluppare la tecnica e la sicurezza degli appassionati locali, con ulteriore volano agli sport di montagna.

Da allora numerosi sono stati i viaggi in Pakistan dove, all'esplorazione alpinistica si sono gettate le basi per la realizzazione del centro alpinistico. Si pensi che ben 8 famiglie di Gothulti si erano rese disponibili a donare il proprio terreno per la costruzione del centro. Nel 2014 è stata effettuata la misurazione per il posizionamento di un ponte di ferro per Gothulti che è stato posizionato l’anno dopo.
Nel 2015, il montaggio a Ghotulti del ponte metallico costruito dall’Omba di Torri di Quartesolo e portato in Pakistan via mare al porto di Karachi e via terra per 2700 km. 

40559730_1562861169819774_r.jpeg
All'inaugurazione hanno partecipato le maggiori autorità regionali del Gilgit Baltistan (grande come il nord italia).
Tarcisio aveva conosciuto gli alpinisti pakistani lo scorso anno in occasione di una prima ricognizione sulla montagna da dedicare a Lions Melvin Jones Peak. Gli alpinisti pakistani avevano subito sposato l’idea di Tarcisio e ne volevano far parte per il loro paese.

Il nostro pensiero va all'amico pakistano e a tutti gli alpinisti caduti in montagna. Solo chi ama la libertà, la natura e paradossalmente la vita può capire questo grande legame che unisce l'uomo, la sfida, la montagna.

English version:
Our heart is filled with grief for the loss of our Pakistani friend.
Pakistan and its people are wonderful, even if we always talk about it on negative occasions, the friendship between Tarcisio and Pakistan is about twenty years old.
The north of Pakistan is a timeless world of shepherds, herds, primitive huts and ancient habits, there are pastures even under the many glaciers that overlook the valley, and peaks are only partially explored by a dozen expeditions of the CAI sections of Montecchio Maggiore, Marostica and Asiago Sette Comuni. There are still endless possibilities of exploration and adventure in an environment like that. The few maps of these areas are the military ones dating back to the period of Russian interference.
Since 2009, Tarcisio exploratory activity includes a series of works aimed at improving the living conditions in particular of the Gothulti community, the last village before the great mountain ranges.
in 2009 there has also been the construction of an aqueduct for this village with a cost of 10,000 euros.
In the same year, Tarcisio performed the solo climb of Cima Veneto m 5701 and Picco Cristina Castagna m 5311 in memory of his climbing friend. This context gave birth to the project that aims to build the Cristina Castagna Center in Hindukush that purpose to enhance the local natural resources nationally and internationally by creating economic opportunities of work and social growth without distorting the environment. In order to develop the technique and safety of local enthusiasts the idea of creating a school of mountaineering and high mountain ha been developed.
Since then there have been many trips to Pakistan where the foundations for the construction of the mountaineering center have been laid. 8 families in Gothulti had made themselves available to offer their own land for the construction of the center. In 2014 the measurement for the positioning of an iron bridge for Gothulti was carried out and would be placed the following year.
In 2015 in Ghotolti the metal bridge has been built by Omba from Torri di Quartesolo and carried to Pakistan by sea to the port of Karachi and by land for 2700 km.The major regional authorities of Gilgit Baltistan (as big as Northern Italy) attended to the opening.
Tarcisio met the Pakistani alpinists last year on the occasion of a first reconnaissance on the mountain that would have been dedicated to Lions Melvin Jones Peak, this association is one of the few supporters of the humanitarian project. Pakistani mountaineers had immediately embraced the idea of Tarcisio and wanted to be part of it for their country.

Donations

 See top
  • IVONNE ROSSI 
    • €20 
    • 2 mos
  • Anonymous 
    • €10 
    • 2 mos
  • ALBERTO COVANTI 
    • €20 
    • 2 mos
  • Carla Primavera 
    • €10 
    • 2 mos
  • Elisabetta Maggioni 
    • €10 
    • 2 mos
See all

Fundraising team: Associazione Onlus Montagne e Solidarietà (4)

Tarcisio Bellò 
Organizer
Raised €855 from 18 donations
Ospedaletto, Italy
Andrea Summit Losi 
Team member
David Bergamin 
Team member
Silvia Scagnelato 
Team member
  • #1 fundraising platform

    People have raised more money on GoFundMe than anywhere else. Learn more

  • GoFundMe Guarantee

    In the rare case that something isn’t right, we will refund your donation. Learn more

  • Expert advice, 24/7

    Contact us with your questions and we’ll answer, day or night. Learn more