Esseri Urbani 2020

L'emergenza epidemiologia da Covid-19, con il conseguente blocco dei bandi di finanziamento e la crisi che sta interessando il tessuto imprenditoriale locale, sta mettendo a rischio l'organizzazione del festival ESSERI URBANI Eterotopia per il 2020.

Questo festival d’arte contemporanea è il primo nel Sud Italia pienamente inclusivo e accessibile a soggetti con diverse abilità.


Il progetto gode già del patrocinio del Comune di Locorotondo, dell’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, dell’Ordine degli Architetti di Bari, del Politecnico di Bari, dell'ENS (Ente Nazionale Sordi) e dell'UIC (Unione Italiana Ciechi) sezioni di Bari. La stessa è organizzata in partnership con la Orizzonti Futuri ONLUS, con l’associazione Pietre Vive, l’associazione ZIcZic, l'Info Point turistico e la Pro Loco di Locorotondo. Inoltre vede come vettore ufficiale Ferrovie del Sud Est, che garantirà all’iniziativa una imperdibile opportunità di visibilità sui treni e nelle stazioni.  Sponsor: BCC Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo.

Il festival è stato presentato a ottobre 2019 alla Conferenza internazionale dei Borghi più belli del Mediterraneo e alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) che si è tenuta a Milano dal 9 all’11 febbraio 2020, tra le attività maggiormente significative del Comune di Locorotondo. Inoltre, il festival è stato già attenzionato dalla Regione Puglia, nell’ambito del più ampio progetto “TOURISM4ALL - Sviluppo di una rete transfrontaliera per la promozione di destinazioni turistiche accessibili”, finanziato nell’ambito del programma CBC Interreg VA Italia-Croazia 2014-2020. Il progetto inoltre risulta essere tra i vincitori del Premio Cultura+Impresa 2019-2020, per i migliori progetti di Sponsorizzazione e Partnership nella Cultura con la Menzione speciale “Under 35”.

48361412_15925810247145_r.jpeg
Intendiamo, con questo festival, sfruttare le potenzialità dell’arte come strumento per intervenire sulla realtà, ripensare i luoghi del vivere quotidiano e sperimentare il rapporto tra tessuto urbano, arte e comunità, andando a rivitalizzare luoghi normalmente non utilizzati per iniziative espositive. Vogliamo invertire il paradigma della fruizione artistica: non sarà necessario andare nei musei per trovare le opere d’arte, poiché porteremo le opere dalle persone, per strada, proponendo un evento immediatamente e facilmente accessibile al pubblico, altamente inclusivo, con orari di apertura estesi e ingresso gratuito, mettendo a sistema competenze e professionalità presenti sul territorio e promuovendo nuovi percorsi di circuitazione turistica nel medio-lungo periodo.  



Quello che viviamo è un momento di particolare complessità. Inaspettatamente siamo stati travolti da una sorta di nemico invisibile, rispetto al quale tutti eravamo impreparati. Ma – come in tutti i momenti difficili – ciò che serve per andare avanti è la determinazione. Si tratta certamente di un elemento che non manca al giovane staff dell’APS U Jùse, che in queste settimane di isolamento – superato lo scoramento iniziale – non ha perso tempo e si è subito prodigato per poter garantire alla nostra città un evento che, pur essendo soltanto alla sua seconda edizione, in molti attendono.

Non appena è stato chiaro a tutti che non sarebbe stato possibile organizzare le attività previste per l’estate, l’intero progetto è stato rimodulato, al fine di garantirne l’esecuzione nel prossimo autunno e in sicurezza per gli utenti.

Si tratta probabilmente di uno dei pochi eventi che sarà possibile svolgere senza particolari stravolgimenti, poiché – eliminate le attività indoor – l’intera manifestazione si svolge all’esterno e questo ci consente di adoperare soluzioni in grado di garantire le distanze di sicurezza che potrebbero permanere a causa delle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

Tutto il tessuto produttivo locale deve essere in questo momento sostenuto, poiché la crisi economica che ci apprestiamo ad affrontare sarà dura e probabilmente si protrarrà per molto tempo. Dopo l’esperienza di Natale 2019, abbiamo tutti quanti capito quanto semplici interventi di natura decorativa possano bastare ad attirare visitatori sul nostro territorio. ESSERI URBANI va oltre: propone un festival d’arte contemporanea di respiro internazionale, la cui curatela non è affidata all’estro dei nostri operatori commerciali, ma a professionisti del settore. Sono stati ben 49 gli Artisti, i Designer e gli Architetti che da ogni parte d'Italia e del mondo hanno partecipato alla nostra Call, presentando dei progetti pensati per Locorotondo.

È chiaro che non possiamo permetterci flussi di massa – e neppure li auspichiamo, poiché l’arte richiede lentezza e contemplazione – ma certamente, tramite un’operazione curata nei modi e nei tempi giusti, possiamo sostenere le attività ricettive e commerciali del nostro centro storico generando attrattività.

PER QUESTO CHIEDIAMO IL CONTRIBUTO DI TUTTI!

Sostenere il nostro festival significa investire sul rilancio turistico del nostro territorio dopo la brusca battuta d’arresto subita a causa del virus. Abbiamo già attivato, in tal senso, partnership importanti, proprio per dare alla nostra iniziativa ampia eco e visibilità, oltre che per garantire la qualità dell’offerta.

Sostenere il nostro festival significa offrire ossigeno ai tanti giovani professionisti, interni ed esterni all’associazione, che già da sei mesi lavorano al progetto. Parliamo di circa 20 persone, 20 giovani che in e per questo territorio vivono e lavorano. Per noi operatori del settore culturale non è un momento facile: non abbandonateci rendendo vano il lavoro finora svolto!

Sostenere il nostro festival significa sostenere gli artisti, una tra le categorie più a rischio in questo momento. La chiusura di gallerie e musei nonché la sospensione di eventi inaugurali, oltre al fatto che lo status di “artista” non è riconosciuto come professione, esclude di fatto questa categoria da qualunque tipo di sussidio, rendendola particolarmente vulnerabile agli effetti della crisi.

Sostenere il nostro festival, che si prolungherà per un periodo di 8 mesi, fino a primavera 2021, significa dare impulso ad un’ampia fase di consultazione e progettazione partecipata che coinvolgerà l’intera cittadinanza intorno al tema della rigenerazione urbana e del recupero degli spazi culturali.


PREMI

Per donazioni da € 10,00 a € 50,00: Shopper EU2020

Per donazioni da € 50,00 a € 100,00: T-shirt EU2020

Per donazioni da € 100,00 a € 250,00: Shopper + T-shirt EU2020

Per donazioni da € 250,00 in su: Sponsorship

48361412_1592736085749528_r.jpeg

Donations

  • Anonymous 
    • €25 
    • 4 hrs
  • Angelica Bruno 
    • €10 
    • 1 d
  • Bets Brink 
    • €20 
    • 2 d
  • Paolo Lopolito 
    • €10 
    • 3 d
  • Erminia Convertini 
    • €20 
    • 9 d
See all

Fundraising team: Team di raccolta fondi (3)

APS U Jùse 
Organizer
Raised €55 from 4 donations
Locorotondo, Italy
Michela Neglia 
Team member
Raised €20 from 1 donation
Angela Conte 
Team member
  • #1 fundraising platform

    People have raised more money on GoFundMe than anywhere else. Learn more

  • GoFundMe Guarantee

    In the rare case that something isn’t right, we will refund your donation. Learn more

  • Expert advice, 24/7

    Contact us with your questions and we’ll answer, day or night. Learn more