Aiutiamo Dario a trovare una cura

47674480_1587927195249701_r.jpeg
Dario ha 29 anni ed è il mio compagno di vita da 5. Un ragazzo brillante, appassionato di fitness fino al punto di farne il suo lavoro, sempre pieno di vita e di speranze per il futuro. La sua storia è come quella di tanti altri nomi ammucchiati negli archivi clinici di chi sta male, sempre male, sempre peggio, eppure non si sa il perché. Uno di quei casi che vengono continuamente rimbalzati tra medici e specialisti vari senza che nessuno sappia dirgli come mai il suo corpo si sia improvvisamente ribellato, come mai nonostante la giovinezza, che dovrebbe essere piena di cose belle e di prospettive, la sua vita si sia trasformata in un sopravvivere giorno dopo giorno, nella speranza che qualcuno, finalmente, sappia dirgli quale sia il problema, quale sia questa maledetta malattia che lo sta riducendo al fantasma di se stesso.

Tutto è iniziato 3 anni fa, quasi in punta di piedi.

Dario ha lo stomaco gonfio e dolente, sembra un problema di digestione che però non va via. Non ci diamo peso, anzi ci scherziamo su. Lui, il salutista di famiglia, lo sportivo, con i suoi pasti iper-controllati e la sua passione per la scienza della nutrizione, problemi di digestione?

Se non che la situazione peggiora. Il gonfiore diventa diarrea notturna, un continuo presentarsi di episodi che lo lasciano spossato e disidratato. Cerca di non pensarci, di concentrarsi su quello che più ama, allenarsi e lavorare. 

Il culmine arriva nella giornata del 12 Febbraio 2017. Continua a sparire in bagno, e ogni volta che torna la sua espressione è più cupa, i suoi occhi più disperati. Non capivo. Cosa stava succedendo? Cerco di aiutarlo, di pensare a un rimedio, e mentre io mi scervello lui continua ad andare in bagno, a stare male, fino a che la situazione non si protrae per tutta la notte andando avanti anche il giorno dopo.

E’ a questo punto che inizia il nostro calvario fatto di esami, visite mediche, controlli, pareri specialistici. Esami del sangue e visite dal gastroenterologo, immunologo, ematologo, endocrinologo, epatologo, biologo, nutrizionista. I dottori a cui ci rivolgiamo non si contano più, le facce si susseguono l’una dopo l’altra. Ci prescrivono una varietà incredibile di farmaci, da semplici probiotici ad antibiotici, antispastici e addirittura psicofarmaci. Ci spediscono da questo o quel collega, magari loro sapranno cosa fare. Un numero infinito di specialisti di settori, città e addirittura paesi diversi, tutti però con una cosa in comune: nessuno capisce cos’è che non va.

Dario continua a perdere peso, i kg persi diventano 20.

Non riesce più a mangiare niente senza sentirsi male, non riesce più ad allenarsi, a dormire. I dolori articolari e muscolari son sempre presenti, inizia a ad aver difficolta a leggere, concentrarsi e studiare. Anche le cose più normali diventano difficili, stanchezza malessere e ansie diventano padroni della sua giornata.

Ad oggi, la situazione è invariata.

La vita gli è stata rubata a 26 anni, gli è stato tolto tutto quello che è normale per un ragazzo della sua età: fare sport, girare il mondo, costruirsi una famiglia.

Nonostante tutto negli anni Dario non ha mai smesso di aiutare le persone e ad sempre disponibile verso il prossimo. Nonostante tutto Dario si è sempre preoccupato di non farmi mancare nulla, con il cuore spezzato l’ho visto continuare a starmi accanto, a farmi stare bene anche se lui stava male. Il mio desiderio più grande è quello di vederlo sorridere spensierato come prima di questo incubo e mi trovo costretta a chiedere aiuto, perché i soldi sono finiti e non sappiamo più cosa fare. Vi prego di aiutarci in modo da trovare finalmente una risposta a tutte le nostre domande e mettere fine a questa angoscia che sta a poco a poco inghiottendo e cambiando per sempre la persona che amo di più al mondo. 

Da quando quest’incubo è cominciato Dario se l’è sempre cavata da solo, mettendo tutti i suoi risparmi nella ricerca di questa maledetta diagnosi, ma l’impossibilità di svolgere la sua attività lavorativa per via del COVID ci ha messo definitivamente in ginocchio.

Dario è attualmente seguito dagli specilisti della clinica Asse Intestino Cervello, Inc. con sede in Florida (USA) e di settimana in settimana deve sottoporsi ad esami di accertamento per monitorare l'andamento della patologia. Il costo di questi esami è molto variabile e purtroppo non più sostenibile.


Aiutiamo Dario a mettere la parola fine a questo incubo.
RIngraziomo tutti per la vostra generosità.



Apprendo che in molti preferite fare il bonifico diretto. Copio di seguito le cordinate del conto in Euro di Dario. Vi chiedo di indicare DONAZIONE AIUTIAMO DARIO nella causale.

Codice IBAN di FATTORINI DARIO: IT74O0306933552100000010755


47674480_1587927354395009_r.jpeg47674480_1587927447652365_r.jpeg

Donations

  • Nayara Nascimento 
    • €14 
    • 2 mos
  • Anonymous 
    • €75 
    • 3 mos
  • Gloria Invernizzi  
    • €30 
    • 3 mos
  • cristian delle fratte  
    • €100 
    • 3 mos
  • Umberto Benelli 
    • €20 
    • 3 mos
See all

Organizer

Roussel Ngo Mbelek 
Organizer
Sordio, Italy
  • #1 fundraising platform

    People have raised more money on GoFundMe than anywhere else. Learn more

  • GoFundMe Guarantee

    In the rare case that something isn’t right, we will refund your donation. Learn more

  • Expert advice, 24/7

    Contact us with your questions and we’ll answer, day or night. Learn more