Columbia. Not Throwing Away My Shot




Versione Italiana in basso!

To all of you out there,

“Tuition fees in American Universities, hit (and often pierce) the roof. Ivy League schools are generally ranked amongst the best universities worldwide and usually accept a tiny percentage of international students. So what would happen if an Italian girl, in her early twenties, from a small unknown town, got accepted by one of these colleges, but couldn’t be able to afford it?” (Cit. Chiara Spagnoli “My New York Eye” May 17, 2015)

 
My name is Federica, and that’s me they are talking about above. I am currently a Creative Producing student at Columbia University’s School of the Arts and the way I made it in this prestigious Film Program says a lot about who I am, what I can do and how vital this opportunity is for my future. I come from a humble Italian family who has always supported my dreams, but could not help me financially pursue my higher education. When I was admitted to Columbia, I was a waitress in Italy, having just returned from a year in the United States as an au pair. Knowing that I could not fund my graduate education on waitressing tips, I started a crowdfunding campaign taking advantage of the communication skills I’ve mastered through my undergraduate degree in Communication Media and Advertising. I wrote hundreds of letters, gave interviews to local and national media and spoke at conferences about my desire to attend graduate school in the U.S. It was a challenging experience because I had to face national media exposure, go through harsh judgments and humiliating critics while managing to remain focused on my goal. I was offered a scholarship but still did not have enough money. Eventually, I wrote to the CEO of a well-known Italian company who used to come to the pizza place where I waitressed. He agreed to meet me and after our conversation, decided to help finance my first year tuition.

A friend of mine said my creativity had come to my rescue; others talked about luck. I don’t believe in luck. Rather, I believe in the motivation to fight for one’s dreams and I like to think that I’m just the kind of person who gets more motivated when people discourage me by saying “you can’t”. I just couldn’t let such an amazing opportunity slip away. Films have always dared me to dream big and made me eager to try, and this fueled my determination during the campaign. I also had the support of my amazing family. Despite of all our economic problems, my parents never discouraged me to continue my studies. They are my heroes, the source of my strength, and my efforts’ meaning. They taught me the value of sacrifice and the beauty of humility. I think that these are ultimately the values I wish to pass along as a filmmaker. I want to inspire people who struggle in order to realize their dreams, and I want to champion these principles.
 
My goal is to help transform the proud, long-held Italian film tradition into a renewed industry that is able to create employment as well as film literacy. Unfortunately, younger generations in Italy lack basic movie knowledge, and few consider filmmaking a legitimate career. This idea is fed by people who maintain a “With culture, you don’t get to eat”, a notion that upsets me personally. I believe that change in our cultural attitudes comes out of schools and universities, through new generations inspired by motivated people. A producer’s duty, aside from being a creative entrepreneur and generating profit, is to positively influence future generations by caring about important issues that affect the audience. That is the kind of producer I aspire to become, by applying the methods I’m learning at Columbia to achieve my long-term goal of creating a more sustainable film industry in Italy.
 
At Columbia I have been translating my passion for film into actual skills by participating in a dozen short film productions, in several capacities. This includes budgeting, scheduling, pitching ideas, directing, working with actors, and line producing, as well as structuring a dramatic narrative for effective storytelling. I have also mastered editing and, above all, I’ve learned the importance of collaboration.
 

I want my films to serve the community by rising critical issues that the generic public and audience need to think about, because conversations lead to movement, and movement lead to change. I want to produce films that will serve as a catalyst for inspired thoughts, films that will endorse the power of imagination, the courage to take risks and the value of ideas. My ultimate career goal is to make movies that affect people’s consciences and make them think critically. I believe it’s possible to transform the world by telling stories, and the producer’s role is essential because he/she discerns them. I have no doubt that the skills and sensibility I have developed through my life experiences, married with my persistence in the face of challenges, my determination and enthusiasm, will make me a good producer.

Even though I’m proud of having worked hard last year to raise about $80,000 for my education, I still need help to reach my goal and graduate. Now that my schooling is underway, it is more important than ever that I raise the funds necessary to continue. Storytelling is absolutely critical to society. That’s why I ask you to invest in me. Stories are important for people to tell and to hear and my aspiration is to make this possible. Please consider assisting me on my journey, as so many others have. It won’t just help me fulfill my dream; it will hopefully inspire other young people to follow theirs.
 

Thank you for your time, consideration and help.
Love and hugs,


Federica


EXPENSES BREAKDOWN 
Tuition & Fees:  $60,217
Living Expenses: $17.000 
TOT  $ 77.217

RESOURCES BREAKDOWN
+ School of the Arts scholarship $ 7,500 (Confirmed)
+ TA Position $ 4,300 + $ 2,116 (Confirmed)
+ Job Position in school $ 10.000 (Confirmed)
-Taxes to pay on $ 12.116= $ 1,200 ish
+ Italian Student Loan Fund $ 22,500 (Confirmed)

Amount needed  by December 2016 = $ 32.000
Website takes the 7.9% off each donation =$2.500

TOTAL NEEDED  $ 34.500 =  EURO 32.000
(15 K for Tuition and 17 K for Living Expenses)

I've applied to other scholarships and I'm sending the letter to all possible foundations out there and it will be my responsibility to add those funds as offline donations to keep the meter updated.

WHAT HAPPENS IF I DON'T REACH THE GOAL?
The website allows me to keep the donations even if the goal is not reached. I intend to refund each donor if I don't manage to gather the amount of money needed to fund my next year of education. The amount refunded will be 7.9% less because the percentage the website keeps is not refundable.



YOU CAN FOLLOW ME HERE
https://www.facebook.com/www.fedeatcolumbia.it

LAST YEAR CAMPAIGN LINK
https://www.gofundme.com/fede-columbia

 

----------------------------------------------------------------------
A tutti voi lì fuori,

“Le tasse scolastiche nelle università Americane raggiungono apici impensabili. Le università facenti parte della Ivy League sono considerate le migliori università al mondo e solitamente accettano una piccola percentuale di studenti internazionali. Quindi, che succedebbe se una vent’enne italiana, di un piccolo paese di provincia, fosse accettata in una di queste scuole, ma non avesse le possibilità economiche per sostenere le spese?” (Cit. Chiara Spagnoli “My New York Eye” Maggio 17, 2015)



Mi chiamo Federica, e sono io quella di cui si parla qui sopra. Sono attualmente una studentessa in Produzione Cinematografica alla Columbia University’s School of the Arts e il modo in cui sono arrivata qui la dice lunga su chi sono, le mie capacità e quanto importante sia questa occasione per il mio futuro. La mia è una famiglia di umili origini che ha sempre supportato i miei obiettivi scolastici nonostante le scarse risorse finanziarie. Quando sono stata ammessa alla Columbia stavo lavorando come cameriera in Italia, appena tornata da un’esperienza di lavoro negli Stati Uniti, dove per un anno ho lavorato come babysitter. Sapendo già che con il mio lavoro non avrei potuto affrontare le spese universitarie ho iniziato una campagna di crowdfunding, cercando di spargere la notizia nel modo più trasparente possibile. Ho scritto centinaia di lettere, fatto interviste su media locali e nazionali parlando del mio sogno di prendere una laurea magistrale alla Columbia. E’ stato difficile, molto difficile, perchè questo ha significato mantenere l’equilibrio fra esposizione mediatica e tutto quello che comporta ( spesso severi giudizi e critiche  umilianti) e la determinazione nell’andare avanti restando concentrata sul mio obiettivo. Mi è stata offerta una   borsa di studio dall’universià ma non era abbastanza. Alla fine, ho scritto al CEO di un noto brand italiano, che non conoscevo di persona ma veniva spesso a mangiare nel ristorante in cui servivo, e con il suo grande aiuto finale sono riuscita ad affrontare le spese per il primo anno di università.

C’è chi ha parlato di cretività, chi di fortuna. Io non credo nella fortuna, piuttosto, credo nella determinazione di chi lotta per i propri obiettivi e mi piace pensare che sono solamente il tipo di persona che diventa più e più motivata quando la gente mi scoraggia con i suoi “non puoi”. Semplicemente, non potevo lasciarmi sfuggire un’opportunità del genere. I film mi hanno sempre spronata a sognare in grande e spinta ad agire, provare almeno. Questo ha ha dato linfa alla mia determinazione durante la campagna. Anche il supporto della mia famiglia ha significato il mondo per me. I miei genitori sono i miei eroi, la mia risorsa di forza e il significato di tutti gli sforzi fatti fin ora. Mi hanno insegnato il valore dei sacrifici e la bellezza dell’umiltà. Questi sono i valori che in definitiva vorrei trasmettere come filmmaker; vorrei ispirare tutti coloro che fanno fatica nel realizzarsi e vogliono lottare per i propri sogni.

Uno dei mie obiettivi è aiutare la lunga e meravigliosa storia del cinema italiano a trasformarsi in una rinnovata industria capace di creare lavoro ed educazione filmica. Sfortunatamente, le giovani generazioni in Italia mancano di una cultura filmica di base e in pochi considerano la cinematofrafia una legittima carriera. Quest’idea è alimentata da coloro che sostengono “con la cultura non si mangia”, un’affermazione triste, per me personalmente ma per il paese in generale. Credo che il  cambiamento dei nostri atteggiamenti culturali sia una responsabilità di scuole e università  attraverso l’aiuto di generazioni di studenti motivati. Quello che un produttore cinematografico può fare a proposito, al di là di essere un imprenditore creativo e generare profitti, è di influenzare positivamente le generazioni future proponendo temi e problemi che abbiano un effetto sull’audience. Questo è il tipo di produttore che voglio diventare e attraverso i metodi che la Columbia mi sta insegnando, aspiro a concretizzare il mio obiettivo a lungo termine di un’industria del cinema sostenibile in Italia.

In questa univiersità ho imparato a tradurre la mia passione per il cinema in abilità concrete, partecipandoo in una dozzina di produzioni in diversi ruoli, dal budgeting alla pianificazione, pitching, regia, produzione, lavoro con gli attori, così come la costruzione di storie che funzionano, montaggio, suono, ma soprattutto, l’importanza della collaborazione e condivisione.

Voglio che i mie film servano la comunità portando sulla superficie problematiche importanti delle quali l’audience non sa niente a riguardo o delle quali si ha una conoscenza basata su luoghi comuni. Vorrei che provocassero discussioni, perchè parlare dei problemi provoca movimenti e i movimenti provocano cambiamento. Voglio produrre film che provochino pensieri e che mettano in discussione convinzioni, che supportino il potere dell’immaginazione, il coraggio di correre rischi e l’ineluttabile valore delle idee. Il mio obiettivo finale è quello di produrre film capaci di agire sulla mente e coscienza delle persone, che ispirino e cambino la loro vita, che diano loro la possibilità di PENSARE CRITICAMENTE invece che dare loro risposte spicciole. Credo che sia possibile cambiare il mondo raccontando storie e il ruolo di un produttore in questo è essenziale perchè lui o lei discerne quali storie raccontare.

Non ho dubbi che le abilità e sensibilità sviluppate nella mia vita fino ad ora, sommate alla mia persistenza nei confronti di sfide quotidiane, determinazione ed entusiasmo, faranno di me un buon produttore.

Sono orgogliosa dell’aiuto ricevuto per mettere isieme 80 mila euro l’anno scorso e del lavoro che questo ha comportato nonostante a molti sia sembrato facile. La realtà è quella che è purtroppo, e nonostante i risparmi e i due lavori fatti per aiutarmi con le spese ho ancora bisogno di aiuto per raggiungere il mio obiettivo e laurearmi. Ora che sono a metà di questo percorso è più importante che mai che raccolga i fondi necessari.

L’arte di raccontare storie per immagini è imprescindibile per la nostra società. Per questo spero che investiate in me, perchè le storie sono importanti per le persone da raccontare e da sentire, e la mia aspirazione è di contribuire a portarle alla luce.

Spero che consideriate di aiutarmi in questo percorso, così come molti hanno già fatto, con la speranza, non solo di aiutare me a raggiungere il mio sogno, ma di ispirare altri giovani a seguire i propri.

 

Grazie per il vostro tempo, considerazione e aiuto,

Un abbraccio,

Federica


SPESE NELLO SPECIFICO 
Retta & Tasse:  $60,217
Spese di vita: $17.000 
TOT  $ 77.217

RISORSE NELLO SPECIFICO (confermate)
+ Columbia Borsa di studio $23,900

così suddivisi: $ 7,500 sconto, lavoro come assistente di un professore $ 4,300 + $ 2,116, lavoro in ufficio in estate  $ 4.000, lavoro in uffcio in autunno $ 6.000;

-Tasse da pagare sulla borsa $ 1,200 circa

+ Prestito Fondo Studenti Italiani $ 22,500

Totale necessario prima di Dicembre 2016 = $ 32.000
Percentuale che il sito ritiene su ogni donazione = 7.9% =$2.500

TOTALE di cui ho bisogno  $ 34.500 =  EURO 32.000
(15 K per le tasse and 17 K per vitto/alloggio)


Ho fatto domanda di borsa di studio a tante organizzazioni diverse e molte di loro avranno un responso a fine agosto. Sarà mia responsabilità aggiornare la campagna nel caso di vincita.

CHE SUCCEDE SE NON RAGGIUNGO LA SOMMA NECESSARIA?

Il sitro mi permetterebbe di tenere le donazioni anche senza raggiungere la quota. Ho deciso però di rimborsare ogni donatore se non riesco a mattere i soldi insieme per restare qui. Il rimborso sarà meno il 7,9% , percentuale che il sito ritiene in automatico e non è rimborsabile.

POTETE SEGUIRMI QUI

https://www.facebook.com/www.fedeatcolumbia.it

Donations (0)

  • Giulia Cereia Varale Rolla 
    • €10 
    • 29 mos
  • Silvia Giorgetti 
    • €100 
    • 30 mos
  • Yuri Fornoni 
    • €20 
    • 30 mos
  • Paolo Amorosa 
    • €20 
    • 34 mos
  • Rita Guglietti 
    • €20 
    • 34 mos

Organizer 

Federica Belletti 
Organizer
  • #1 fundraising platform

    People have raised more money on GoFundMe than anywhere else. Learn more

  • GoFundMe Guarantee

    In the rare case that something isn’t right, we will refund your donation. Learn more

  • Expert advice, 24/7

    Contact us with your questions and we’ll answer, day or night. Learn more